[ Hotel Review ] Hotel De La Porte Dorée #Parigi


Digressione iniziale: Finalmente riesco a scrivere dell’albergo in cui ho soggiornato a Parigi!

Viaggiare in modo responsabile è una piccola sfida che ognuno di noi può accettare! Come vi ho già detto qui quest’anno il leitmotiv dei miei viaggi sarà la sostenibilità. Gli hotel saranno quindi scelti non solo per il loro prezzo, ma anche in base alla loro politica ambientale.

Tre settimane fa ero a Parigi e ho alloggiato all’ Hotel De La Porte Dorée: un piccolo e accogliente boutique hotel, a 3 stelle, che da alcuni anni sta cercando di sviluppare una coscienza ecologica in favore di un turismo si cittadino, ma anche responsabile.

Hotel De La Porte Dorée

Sito nel 12 arrotidsmant, a circa 200 metri dal Bois de Vincennes, l’hotel è a poche fermate di metropolitana dalle principali attrazioni. La stazione dista circa 20 metri e permette di arrivare a Bastille, Opera e Torre Eiffel (linea 8).

Hotel De La Porte Dorée

Per chi come me preferisce passeggiare, dall’hotel si può arrivare a piedi in centro (circa 4 km da Notre Dame), seguendo un antico acquedotto romano oggi trasformato in giardino pensile/ orto urbano.

germoglio 4

Io e Maurizio ci siamo regalati questa piccola fuga metropolitana, per il nostro primo lustro di fidanzamento!

Appena entrati siamo rimasti piacevolmente colpiti.  L’ingresso seppur non molto grande è davvero confortevole. Qui, su un divano morbidissimo, è possibile “abbandonarsi” e rilssarsi un po’: c’è chi legge il giornale, chi guarda le previsioni meteo, chi chiacchera e chi programma la sua giornata.

Hotel De La Porte Dorée Hotel De La Porte Dorée

Per contenere i costi, abbiamo alloggiato in una camera matrimoniale standard: condizionamento dell’aria reversibile, TV a schermo piatto, bagno privato, connessione Wi-Fi gratuita, libri e riviste (in francese e in inglese).

Hotel De La Porte Dorée Hotel De La Porte Dorée Hotel De La Porte Dorée Hotel De La Porte Dorée Hotel De La Porte Dorée

L’arredamento è antico e il pavimento in parquet. Il bagno era  perfetto: appena ristrutturato e molto pulito. Il necessario per l’igene personale è messo a disposizione dall’hotel che offre ai clienti prodotti cosmetici bio e anallergici.

Hotel De La Porte Dorée

La nostra giornata iniziava con una colazione continentale. Tutti i prodotti del buffet sono equo-solidali e certificati bio.

Hotel De La Porte Dorée

Il personale è super gentile e sempre sorridente! L’ Hotel De La Porte Dorée è l’albergo perfetto per una piccola fuga romantica!

______________________________________________

Hotel de la Porte Doree

273 Avenue Daumesnil, 12 Arr.,75012 Parigi

In Avenue Daumesnil ci sono tantissimi ristoranti, supermercati, panetterie e negozietti di artigianato.

Abbiamo alloggiato in questo hotel da lunedì 4 a giovedì 7 marzo 2013.  La prenotazione è stata fatta on-line, ai primi di febbraio, tramite il sito dell’hotel. In stanza eravamo in due, abbiamo fatto colazione tutte le mattine e abbiamo speso in tutto 303 euro (iva inclusa e tassa di soggiorno in omaggio). Pagamento in albergo.

bill

L’hotel ha un blog  http://hoteldelaportedoree.com/blog/ e pagina FB https://www.facebook.com/#!/HoteldelaPorteDoree

Qua i miei altri post su Parigi!

[Travel Pics] San Michele #Pavia


San Michele, Pavia

San Michele è la chiesa più importante della mia città, Pavia. Considerata un capolavoro dello stile romanico lombardo, si discosta dalle altre chiese pavesi sia per l’utilizzo della pietra arenaria (proveniente dal vicino Oltrepò) al posto del cotto, sia per la configurazione architettonica a croce latina con il transetto molto marcato.

A very ancient basilica, San Michele is the most important church in my home town, Pavia. Considered a masterpiece of Lombard Romanesque Style, San Michele is different from the other Pavese churches both for the utilization of sandstone and limestone (from the nearby Oltrepò) instead of brick, both for the Latin Cross ground plan with a very marked transept.

san michele - pavia

La facciata, a capanna, è caratterizzata da numerosi rilievi.

The hut façade is characterized by numerous relieves.

IMG_2221 IMG_2220

In epoca medioevale la basilica fu sede di famose incoronazioni. Tra queste si citano quelle di Enrico II nel 1004 e Federico I Barbarossa nel 1155.

In the Middle Ages, the basilica hosted famous kings‘ coronations: Henry II in 1004 and Frederick I Barbarossa in 1155.

San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia San Michele, Pavia

www.sanmichelepavia.it

Sul sito potete trovare maggiori informazioni e gli orari di apertura.

On the website you can find more info and opening times.

San Michele, Pavia

Trattoria Visconti – Ambivere (BG)


Ci sono quei posti che scopri casualmente una domenica di settembre. Ti innamori e ad ogni boccone ripeti a te stessa che, appena possibile, ci vuoi ritornare con i tuoi amici, i più cari. Qualche sms, qualche telefonata e si parte. Noi passiamo a prendere Enzo, Matteo e la Vale caricano Marco.

trattoria visconti

La Trattoria Visconti è sita ad Ambivere, un piccolo paese a pochi chilometri da Bergamo. C’è chi arriva da Pavia e chi da Varese… Stare assieme, con le gambe sotto un tavolo imbandito, è un piacere troppo grande: i chilometri non si sentono e la stanchezza della settimana lavorativa scompare.

Un avvocato, due ricercatori, un mezzo ingegnere apprendista pasticcere, io e la Vale.   Chiacchere, vino, risate, ottimo cibo, racconti, qualche pettegolezzo e tanti progetti.

Qui l’atmosfera è delicata, accogliente, morbida. I toni sono caldi, idem la luce.

divano ingresso - trattoria visconti Stampa - trattoria visconti tavolo - trattoria visconti

La carta, che cambia ad ogni stagione, è legata al territorio. Grandissima l’attenzione dedicata ai produttori locali, ai presidi Slow Food e alla verdura (coltivata dal Signor Giorgio nell’orto adiacente il locale). La stessa cura è stata dedicata alla carta dei vini: pochi nomi famosi e tanta ricerca.

C’è chi opta per i casoncelli, chi per le bardele al ragù, chi per il menù della tradizione. Io preferisco concentrarmi sui prodotti dell’orto e sui formaggi così scelgo il “Menu Vegetariano e Formaggi delle nostre Valli” che prevede quattro portate: antipasto – primo – secondo – dolce (39 euro vini esclusi).

Inizio con un delizioso timballo di broccoletti con formaggio di Grosio in 3 variazioni.

timballo broccoli - trattoria visconti

Proseguo con un gustoso risotto radicchio e Formai de Mut e una saporita quiche con insalata scarola e strachitunt.

risotto - trattoria visconti quiche - trattoria visconti

Concludo con uno spettacolare tortino cioccolato e arancia dal cuore morbido.

tortino cioccolato e arancia dal cuore morbido - trattoria viscontiAbbiamo accompagnato la nostra cena con questi vini qui.

lugana - ca lojera pietrisco - valtellina DOCG

Le nostre menzioni speciali vanno:

  • alla Lugana (scelta grazie al consiglio dell’oste :-)): fragrante, fruttata, davvero appagante e
  • alla bresaola valtellinese stagionata ad oltre 1500 m di altezza.

Al tavolo i miei amici più cari e io sono la persona più felice del mondo.

[Travel Pics] The Beauty of Notre Dame: The Stained-glass Windows


Like the Eiffel Tower, Notre Dame  is one of Paris’ symbols. I cannot describe with words its beauty so I choose to do it with pictures. Surely more expressive.

My pics are a lot so I decided to divide them into many different posts: The External Façade, The Stained-glass Windows, The Statues, The Chandeliers.

This is Post 2. 🙂 Enjoy!

A

O

L

I

D

Nasa: un nuovo sito web per progettare viaggi interplanetari!


Alzi la mano chi, nella propria vita, non ha mai sognato di andare sulla Luna o su un altro pianeta?

Stamattina apro La Stampa e trovo questa notizia super interessante: i cervelloni della Nasa hanno lanciato Trajectory Browser ( http://trajbrowser.arc.nasa.gov/ ), un nuovo sito web per progettare viaggi interplanetari! Wow!!

Trajectory Browser 1

Il sito “does not solve trajectories when queried, but instead pulls desired solutions from a pre-computed database of trajectories that is periodically maintained with some of the latest small-body discoveries. It is meant to be used as a first-cut survey to obtain preliminary accessibility results from a large population of planetary bodies. Results can then be used as initial guesses for trajectory design software yielding high-fidelity impulsive or low-thrust solutions.”

In poche parole lo strumento consente di abbozzare una prima traiettoria di lancio, in base al corpo planetario/destinazione scelta. La Nasa precisa anche che il sito deve essere utilizzato solo per un sondaggio preliminare perché attualmente ci son diverse limitazioni.

Ma proviamolo comunque!!! Clicco sulla linguetta Trajectory Search e si apre questa finestra dove inserire le queries di ricerca.

Trajectory Browser 2

È un po’ complicato per la sottoscritta che ha dei vaghi ricordi della geografia astronomica fatta al liceo, ma provo lo stesso ad organizzare il mio viaggio su Marte! Inserisco il pianeta in Custom List, alcuni parametri un po’ a caso e ottengo questi risultati:

Trajectory Browser

La data migliore per partire è il 9 ottobre 2015.Il mio viaggio durerà 2,41 anni ed arriverò sul pianeta rosso il 7 marzo 2018. Gli altri numeri non è che li comprendo molto, ma ho tutto il tempo per studiare i diversi fattori! Cliccando su View è possibile visualizzare l’orbita!

Trajectory Browser 4

Davvero un bel giocattolino!!! 🙂 Probabilmente il viaggio su Marte non  lo farò mai, ma sono invogliata a prendere in mano una mappa stellare o un libro di geografia astronomica per saperne di più!!!

Viaggiatori è arrivato Google Flight Search!


Per chi è  alla ricerca di voli convenienti Google lancia un nuovo servizio: Google Flight Search .

Il meccanismo di ricerca è semplice! Si inserisce l’aeroporto di partenza e l’aeroporto di destinazione come si fa su Skyscanner, Easyjet, etc…

Ma cosa rende Google Flight Search più accessibile rispetto ai suoi  “avversari”? La vera rivoluzione è  la possibilità di scegliere la propria meta sulla mappa satellitare, ma è perfetto anche quando si ha un budget preciso da rispettare!

Purtroppo per questo mese ho esaurito il fondo-viaggi, ma appena rimpinguo il conto… Mi sbizzarrisco un po’!

Qui le istruzioni https://support.google.com/flights/?hl=it

Google Flight Search

For those who are looking for cheap flight tickets Google launches a new service: Google Flight Search .

The searching mechanism is simple! You enter the airport of departure and the airport of destination as you do with Skyscanner, Easyjet, etc…but what makes Google Flight Search more affordable than its “competitors”? The revolution is the possibility to choose your destination on the map, but Google Flight Search is also perfect when you have a precise budget to be respected!

Enjoy!!!

[Travel Pics] The Beauty of Notre Dame – The External Façade


Like the Eiffel Tower, Notre Dame  is one of Paris’ symbols. I cannot describe with words its beauty so I choose to do it with pictures. Surely more expressive.

My pics are a lot so I decided to divide them into many different posts: The External Façade, The Stained-glass Windows, The Statues, The Chandeliers.

This is Post 1. 🙂 Enjoy!

H

ZA

T

S

Z

V

F

USaint Denis holding his head in his hands on the portal of the Virgin

[French Recipe] Mousse au Chocolat


Fra la miriade di dolci al cioccolato, la mousse rimane la mia preparazione preferita. Ho provato a farla milioni di volte ed ad ogni tentativo c’era qualcosa che non andava. Troppo spumosa, troppo dolce, non molto densa, poco saporita, etc… Finalmente ho trovato la ricetta perfetta e la condivido con voi!

Ho seguito la ricetta di Bocuse alla lettera ed il risultato è stato sorprendente! Posso quindi affermare che il Sig. Bocuse si merita, oltre alle tre stelle Michelin, i miei ringraziamenti.mousse al cioccolato

c

RECIPE FOR 4

125g  BITTER CHOCOLATE – cioccolato amaro

30g SOFTENED BUTTER – burro ammorbidito

50g SUGAR – zucchero

4 EGGS YOLKS – tuorli

4EGG WHITES – chiari d’uovo

Fate sciogliere il cioccolato e il burro a bagnomaria, mescolando fino a quando i due ingredienti cominciano a liquefarsi. Aggiungete lo zucchero, un po’ alla volta, e continuate a mescolare.

Quando la crema è densa, versate il composto in una grande ciotola e lavoratelo fino al suo raffreddamento. Una volta che la crema si è intiepidita, incorporate i tuorli.

Sbattete gli albumi a neve in un’altra ciotola, aggiungete il mix di cioccolato e amalgamate il tutto con l’aiuto di un cucchiaio. Quando i bianchi sono perfettamente incorporati mettete la mousse nel frigorifero.

L’ideale è preparare la mousse il giorno prima. Se siete di fretta potete prepararla con qualche ora di anticipo, ma ricordate che il riposo minimo è comunque pari a 2h.

Melt the chocolate and butter in a double boiler over low heat, stirring lightly as they begin to liquefy. Add the sugar little by little and stir slowly. When cream is thick and creamy, pour the chocolate mix in a large bowl and stir until it has cooled to lukewarm, then stir in the eggs yolks.

Beat the whites until stiff in another bowl, than slide them into the bowl with the chocolate mix and fold them in, using a spoon. When the whites have been incorporated into the chocolate mix place the mousse in the refrigerator for two hours or more before serving.

Ricetta presa da “Bocuse in Your Kitchen – Simple French Recipes for the Home Chef“, Edizione Flammarion.

From “Bocuse in Your Kitchen – Simple French Recipes for the Home Chef“, Flammarion Edition.

E’ bello affrontare le giornate con calma, senza fretta… Vivendo, ma al contempo riposando


In questi giorni sono mutevole, come il cielo. Stamattina ho cancellato tutti i miei impegni e mi sono regalata una giornata di dolce far niente.

Ogni tanto è necessario.

E’ bello affrontare le giornate con calma, senza fretta… Vivendo, ma al contempo riposando. Da soli.

Vorrei essere a Parigi… Distesa in un parco a gustarmi l’aria tiepida della primavera mentre respiro la sua grandeur. Oggi mi immagino così.

Purtroppo in questi giorni il lavoro non mi permette neppure una piccola fuga, quindi… Mi fermo qui, nella mia piccola città: Pavia.

L’aria è pungente e io mi godo i luoghi conosciuti… Ricercando un po’ di bellezza.

F

Mentre San Michele sembra splendere, al mercato ho trovato una vecchia copia francese de “Il rosso e il nero”. Mi siedo ad un tavolino del Loft 10 e mi immergo nella lettura.

I

Non conosco il francese, ma il profumo di queste pagine sembra suggerirmi il significato di parole stampate, il secolo scorso, a Parigi. Che bello pranzare senza l’ansia che il Blackberry possa squillare da un momento all’altro… Il cibo ha decisamente un altro sapore.

C

E

Il tomino alla griglia è perfetto! Bollente come piace a me.

Il servizio è lento e, nonostante il grande numero di clienti, i camerieri riescono ad apparire rilassati. La verdura è saporita e la frutta succosa.

H

Il Loft 10 è una piccola avanguardia in città. A pochi passi dal Duomo non è solo caffè, ma è anche libreria e circolo culturale. I ritratti degli scrittori alle pareti e l’arredamento minimale gli conferiscono quel je ne sais quoi che mi piace tanto.

D B A

Oltre ai quotidiani i giornali stranieri.

G

Sono felice di essermi seduta qua… A leggere e ad osservare la gente… che così spesso ignoro.

L

____________________________________________________________

Tomino con verdura alla griglia 6.50

Macedonia 3,50

Acqua frizzante, bottiglia grande 2,50

Caffè macchiato 1,50

Parisian Sprouts


La primavera è arrivata all’improvviso. Trovare timidi germogli nelle aiuole della città è diventato il mio gioco preferito. Parigi è davvero bella se la si guarda in maniera innocente e senza aspettative.

Spring is here. Find timid sprouts in the flowerbeds is my new game. Paris is really beautiful if you look “her” in innocent way and without expectations.

germoglio 2 germoglio 1 germoglio 4 germoglio 3

Forse è questo il segreto… Vivere senza attese, con la meraviglia negli occhi.

Maybe that’s the secret … Living without expectations, with wonder in the eyes.